Qual è il vostro “core business”

Quando la volta scorsa abbiamo parlati di “make or buy” ci eravamo lasciati dicendo che  dobbiamo sempre valutare:

  1. la facilità/difficoltà a reperire le risorse che ci servono: materiali, attrezzature, pezzi, utensili
  2. se abbiamo o meno le conoscenze, competenze o capacità per realizzare quello che ci interessa
  3. il costo: dobbiamo sempre confrontare quanto ci costa comprare qualcosa rispetto a quanto ci costa produrlo homemade
  4. altre risorse come il tempo o gli eventuali aiuti che ci servono sopratutto per i grandi lavori di casa.

 

Sembrerebbe molto semplice fare tutte queste valutazioni ma nella realtà così facile poi non è. Infatti qualcuno di voi mi ha chiesto di svelare qualche trucchetto per poter fare la scelta giusta. Per rispondervi, devo attingere alle strategie che adottano le imprese.

Le imprese non ricorrono mai, mai e poi mai al mercato esterno quando devono produrre il proprio “core business”. Ad esempio: un pasticcere la torta la farà lui mica la compra da qualcun’altro, un’azienda che produce scarpe mica le fa fare da un’altra impresa, l’elettricista farà lui stesso il lavoro non vi manderà certo un’altra persona, un’azienda che produce mobili per la  casa curerà il design, la ricerca del materiale, la creazione del mobile e tutto il ciclo produttivo. Certo direte voi, altrimenti tolto lo scopo !

Quindi il primo consiglio, ed unico, che vi do è questo: qual è il vostro core business?

Cos’è che sapete fare bene? Sapete cucinare bene (e avete tutti gli aggeggi necessari in cucina, materie prime di alta qualità e le conoscenze per fare una torta da triplo wow) oppure siete dei falegnami provetti,vi piace il design  e in casa avete creato dei mobili da far invidia a chiunque? Oppure vi barcamenate più che bene con fili elettrici, tubi dell’acqua o altro? eh allora in questo caso non conviene quasi mai, anzi mai esternalizzare. Perché voi oltre ad essere super capaci e molto bravi probabilmente avete in passato fatto degli investimenti. Cassette per gli attrezzi, trapani, pitture, stoffe, macchine per cucire, gelaterie, essiccatori, compressori,  pentile, pirofile,pinze ,tenaglie, cacciaviti, ma anche farine, mattarelli, nonne papere, passapomodoro  e chi più ne ha più ne metta hanno un costo. Per voi sono state un’uscita, sono state un segno MENO in rosso sul vostro conto corrente che dovete ammortizzare e fruttare al meglio. Se oltre ad aver investito soldi per avere tutto l’armamentario vario  per fare torte di cake design da rivista e in più spendete per comprarne una  quando ce n’è bisogno allora siete doppiamente inefficienti.

Quindi domandatevi: qual è il mio core business?  Su quello non esternalizzate MAI.

Ricordatevi che non siamo bravi in tutti (magari…!!) per cui è impensabile avere troppi core business “da mantenere”. Focalizzatevi su uno, due o al massimo tre in base a cosa vi piace fare, vi rilassa e vi da soddisfazione perché alla fin fine la regola del gioco dev’essere: divertitevi, divertitevi, divertitevi!!

Senza categoria

economylifemartinamontresor View All →

Mamma, infermiera e da qualche giorno una blogger dilettante. Cosa ne uscirà con queste premesse? Spero qualcosa di nuovo ed originale

1 Comment Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: